Pirlo: “Perso contro il Napoli per un episodio dubbio”

0
2220
andrea-pirlo-intervista-juve-perde-3-0

Si ferma dopo tre vittorie consecutive la striscia di vittorie della Juve in campionato. La compagine bianconera infatti, è stata superata da un Napoli capace di imporsi al ‘Maradona’ per 1-0 grazie ad un calcio di rigore trasformato nel primo tempo da Lorenzo Insigne. Andrea Pirlo, parlando ai microfoni di Sky Sport dopo il triplice fischio finale, ha commentato il risultato maturato.

“Abbiamo perso senza subire mai un tiro in porta e per un episodio dubbio. Peccato non essere riusciti a trovare il goal, ma siamo contenti della prestazione, abbiamo fatto quello che dovevamo”.

Il tecnico della Juventus ha spiegato cosa non ha funzionato alla perfezione.

“Abbiamo fatto girare lentamente il pallone e questo ha permesso a loro di riposizionarsi. E’ stato questo l’unico problema del primo tempo, anche se poi non abbiamo concesso occasioni. Nella ripresa abbiamo creato di più ma è mancato il goal”.

A fine partita Pirlo ha chiesto delle spiegazioni all’arbitro Doveri.

“Se non si ammonisce il portiere durante la partita lui continua a perdere tempo. Perché considero dubbio il rigore? Perché altrimenti non potrebbero più esserci contatti in area. Se uno allarga le mani con il pallone tra le mani del portiere, ci sarebbero rigori su tutti i campi. Voglio vedere se fosse successo a noi un episodio del genere. Ci sarebbero stati molti più casini e molte più polemiche. Non so se ci avrebbero dato questo tipo di rigore. Andiamo avanti, siamo contenti della prestazione. C’era anche un episodio dubbio sulla doppia ammonizione di Di Lorenzo, però ma capita che molti vengano valutati in modo diverso quando gioca la Juve, perché siamo sempre sulla bocca di tutti. Guardiamo avanti”.

Pirlo è comunque soddisfatto della prova della sua squadra.

“Può esserci meno lucidità quando si gioca così tanto, ma la prova è stata ottima. Dovevamo solo concludere meglio in porta”.

I bianconeri hanno solo il sesto attacco del campionato.

“Abbiamo fatto i goal che dovevamo fare. Alla fine non è che la squadra che segna di più vince il campionato. Quello che conta è creare le occasioni e segnare un goal più degli altri. Oggi abbiamo creato molto e il loro portiere è stato il migliore in campo”.

Per la Juve sono già tre le sconfitte in campionato.

“Sconfitte pesanti che si fanno sentite. La vetta potrebbe allontanarsi a dieci punti, ma noi dobbiamo continuare a fare queste prestazioni. Se manca Dybala? Ho tenuto fuori Kulusevski per tenere un cambio in attacco. Bernardeschi ha fatto bene, peccato che non abbia calciato bene nel primo tempo. Aspettiamo Dybala”.

Sky Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Moratti: “Mai mandato a quel paese un tecnico juventino. Ritorno all’Inter? Non voglio disturbare Suning”