“Presidente resta”. Steven Zhang risponde ad un tifoso su Instagram

0
182
stipendi-suning-steven-zhang-inter-lega-dal-pino-zazzaroni

Sono giorni importanti per l’Inter: in attesa di rituffarsi in campionato dopo il rinvio disposto della partita con il Sassuolo, i nerazzurri hanno iniziato la nuova campagna legata al lancio del nuovo logo.  Tanti i volti che si sono spesi in quest’operazione del club, tra artisti ed ex giocatori che l’Inter ha chiamato a raccolta per sponsorizzare il nuovo logo. Tra questi, non poteva mancare il presidente Steven Zhang, atteso a Milano nei prossimi giorni dopo diverso tempo trascorso in Cina.

In un post su Instagram, il presidente nerazzurro ha provato a lanciare un segnale sulla delicata situazione societaria, per la quale quale il club ha scelto la linea del silenzio, riservando ad un unico comunicato la propria difensiva mediatica.  Ad un tifoso che chiedeva a Zhang di restare, nel post pubblicato dall’account ufficiale nerazzurro e dedicato proprio a Steven, il presidente dell’Inter ha risposto con un cuore nero ed uno azzurro. Nessuna altra parola, solo i colori della società che aveva giurato di portare in alto qualche anno fa.

presidente-resta-inter

 

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Inter (@inter)

Le ultime voci insistono sul fatto che la famiglia Zhang starebbe facendo di tutto per cercare un partner di minoranza e rimanere a Milano, in attesa che determinate situazioni possano ritornare percorribili in futuro. Il club ha bisogno di liquidità, motivo per cui la famiglia Zhang starebbe pensando di cedere una minoranza delle proprie quote o comunque di ricercare la stessa sul mercato. La valutazione differente rispetto a quella mossa da Bc Partners ha infatti quasi del tutto arenato la trattativa con il fondo britannico, che non si è mai discostato dalla sua valutazione complessiva dell’Inter di circa 750 milioni. Nanchino, dal canto suo, ha sempre risposto 1 miliardo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Dopo Handanovic anche Vecino negativo: De Vrij e D’Ambrosio ancora no