Home Notizie Primavera – Inter-Roma 3-0: è finale. Adesso la sfida contro l’Atalanta

Primavera – Inter-Roma 3-0: è finale. Adesso la sfida contro l’Atalanta

1402
0
primavera-inter-esposito

La primavera dell’Inter batte quella della Roma allo stadio Ricci di Sassuolo e si prepara a sfidare l’Atalanta, che nell’altra semifinale ha battuto per 4-3 il Torino dopo i tempi supplementari (la partita si era conclusa sul 2-2). La squadra di Madonna si è imposta su quella di De Rossi per 3-0. Nei primi 45 minuti ci ha pensato Colidio a portare in vantaggio l’Inter con un calcio di rigore. Nel secondo tempo, invece, è stato Esposito a siglare il raddoppio all’80’ e il definitivo 3-0 in pieno recupero ancora dal dischetto. Venerdì 14 giugno, alle ore 20.45, allo stadio Tardini di Parma ci sarà una finale tutta nerazzurra nel campionato Primavera.

PRIMO TEMPO – La partita inizia subito a ritmi altissimi e la prima, clamorosa occasione è per la Roma. Celar si ritrova da solo davanti alla porta dopo un disimpegno sbagliato di Dekic ma colpisce clamorosamente la traversa. Sulla respinta Greco fallisce un’altra opportunità, calciando incredibilmente alto. La risposta dell’Inter è immediata: Salcedo riceve sulla trequarti, si avvicina all’area di rigore avversaria e fa partire un bel destro che viene parato da Greco. I nerazzurri crescono con il passare dei minuti e tra il 18′ e il 20′ hanno due ottime occasioni. La prima con Colidio che, lanciato a rete, sbaglia una sorta di rigore in movimento con il destro. La seconda ancora con Salcedo, che di testa manda a lato un bel cross dalla destra di Grassini. Il forcing dell’Inter viene premiato pochi minuti dopo, quando Colidio viene strattonato in area di rigore sugli sviluppi di un calcio d’angolo. L’arbitro indica il discetto e il giocatore della primavera nerazzurra non sbaglia, nonostante un tiro non proprio irresistibile. Meritato il vantaggio dell’Inter che, a parte un rischio iniziale, aveva dominato la prima parte di gara. Dopo il gol subito, la Roma vive qualche minuto di sbandamento prima di provare la reazione. Al 36′ Dekic salva l’Inter, con una grande parata su un tiro ravvicinato di Zappa. Al 39′ è Darboe a provarci, con un colpo di testa che si perde fuori. L’Inter riesce comunque a resistere, chiudendo il primo tempo in vantaggio di un gol grazie a un rigore trasformato da Facundo Colidio.

SEMPRE ESPOSITO – La Roma prova a iniziare in attacco il secondo tempo, ma è l’Inter a sfiorare il 2-0 dopo appena sette minuti: schema da calcio d’angolo, il cross di Zappa arriva dalle parti di Gaviola che di testa manda di poco a lato. I giallorossi alzano il baricentro ma faticano a creare occasioni da gol pericolose, mentre l’Inter controlla senza troppi affanni in fase difensiva. Al 73′ la Roma chiede un calcio di rigore per una caduta in area di Darboe dopo un presunto contatto con Corrado. L’arbitro però decide per simulazione del calciatore giallorosso e cartellino giallo. A dieci minuti dalla fine l’Inter la chiude con Esposito, decisivo entrando dalla panchina. Il classe 2002 riceve da Salcedo e infila Greco con un grandissimo destro in diagonale, che si perde all’angolino. Dopo il raddoppio la Roma crolla e rischia di prendere anche il terzo gol, ma Schirò spreca un fantastico assist di Esposito calciando fuori da ottima posizione. Ma il 3-0 è rimandato soltanto di pochi minuti e arriva al primo minuto di recupero. Lo stesso Schirò viene steso in area di rigore, con Esposito che trasforma dagli undici metri completando la sua doppietta personale. L’Inter dilaga e vola in finale: ora la sfida contro l’Atalanta per il titolo Primavera.

Il tabellino

INTER: Dekic; Zappa, Nolan (C), Rizzo; Grassini (dal 59′ Persyn), Gavioli (dal 68′ Gianelli), Pompetti (dal 83′ Roric), Schirò, Corrado; Salcedo (dal 83′ Vergani), Colidio (dal 68′ Esposito). A disposizione: Pozzer, Stankovic, Vergani, Merola, Van Den Eynden, Ntube, Attys, Mulattieri, Roric. Allenatore: Armando Madonna

ROMA: S. Greco; Parodi (dal 77′ Silipo), Cargnelutti, Bianda, Semeraro (dal 65′ Besuijen); Darboe, Pezzella, F. Greco; D’Orazio, Celar, Cangiano (dal 65′ Estrella Galeazzi). A disposizione: Cardinali, Trasciani, Santese, Simonetti, Bucri, Nigro, Buttaro, Tripi, Bove. Allenatore: Alberto De Rossi.

Sky Sport