Quattro anni di Inter e Suning: dal fatturato raddoppiato agli obbiettivi futuri

0
316
preziosi-sottoriva-covisoc-suning-inter-zhang-pirelli-main-sponsor-premier-league

Quattro anni di InterSuning e un futuro tutto da scrivere. La famiglia Zhang è diventata proprietaria dei nerazzurri il 6 giugno 2016 e da allora la freccia Beneamata ha sempre puntato verso l’alto. È cresciuto il fatturato, è stata riconquistata la Champions League, si è usciti dalle tagliole del fair play finanziario, sono arrivati a Milano due vincenti come Beppe Marotta e Antonio Conte. Il prossimo obiettivo immediato è tornare ad alzare un trofeo, che al club manca dal 2011. Sabato a Napoli partirà un nuovo assalto: c’è la Coppa Italia, poi l’Inter si giocherà le sue chance in Serie A ed Europa League.

STABILITA’ ECONOMICA

Il 6 giugno di 4 anni fa a Nanchino Zhang Jindong parlò subito dopo l’annuncio dell’acquisto della maggioranza del club. “Dobbiamo riportare l’Inter al vertice del calcio mondiale” disse il numero uno di Suning, colosso da 70 miliardi di fatturato all’anno. Prima di tutto, però, bisognava ridare stabilità al club. Nei primi due anni, per ripianare le perdite da 300 milioni e guardare al futuro con ambizione, la proprietà ha messo nelle casse dell’Inter 474 milioni (con un aumento di capitale iniziale da 142 milioni). Una cifra enorme, necessaria per ripartire di slancio. Dal punto di vista finanziario la famiglia Zhang ha vinto subito: i contratti con l’Asia hanno portato tanti soldi, il botteghino del Meazza ha fatto i fuochi d’artificio e in più sono arrivati i ricchi introiti della Champions (circa 80 milioni garantiti). Così il fatturato è cresciuto: era di 179 milioni nel 2015-16, poi si è saliti a 262, 281 e ai 365 milioni del 2018-19, per intenderci ben 159 in più dei cugini del Milan. Riporta la Gazzetta.it

GLI OBBIETTIVI DA TOP CLUB

Ecco perché oggi l’Inter può di nuovo pensare in grande. Conte, pagato 11 milioni all’anno per tre stagioni, è il simbolo del progetto ambizioso di Suning. Lukaku ed Eriksen, investimenti altrettanto importanti, sono i giocatori più pagati (7,5 milioni più bonus) della Serie A dopo l’irraggiungibile Cristiano Ronaldo. Ora bisogna provare ad alzare l’asticella, colmando il gap con la Juve in Italia e avvicinandosi agli altri top club in Europa: la vendita di Icardi al Psg ha portato 58 milioni, il futuro di Lautaro sembra scritto e un altro tesoro (90 milioni cash?) arriverà quindi dal Barcellona. Zhang reinvestirà subito, seguendo una filosofia che vede l’Inter del futuro giovane, forte e italiana. Ecco perché Tonali e Chiesa sono in cima alla lista della spesa, mentre Cavani è il nome più forte per diventare il nuovo partner di Lukaku nell’attacco dell’anno prossimo.

Inter, Suning tratta un nuovo main sponsor: due grandi nomi. Pirelli rimane

LO STADIO E I NUOVI SPONSOR

Ma il piano di Suning prevede anche una crescita extra campo che deve accompagnare e supportare l’aspetto tecnico. L’ammodernamento di Appiano Gentile, con il nuovo hotel per i giocatori praticamente pronto, va letta in questa direzione. Poi c’è ovviamente il discorso stadio: con Elliott si è scelta la strada di un nuovo impianto in condivisione al posto del Meazza. Dopo mesi di tira e molla con la politica sembra che adesso il progetto stia andando avanti a passi veloci e prima di luglio potrebbe esserci un nuovo ok del Comune di Milano e poi la scelta del progetto vincente tra la Cattedrale di Populous e gli Anelli di Milano. Un altro step nel mirino è il nuovo sponsor sulle maglie: nel 2021 scadrà l’accordo storico con Pirelli, che dopo 25 anni potrebbe marchiare solo le divise di allenamento. L’obiettivo è chiudere un nuovo contratto da 25-30 milioni all’anno, magari proprio con un partner cinese vicino a Suning.

gazzetta.it

LEGGI ANCHE:

Sky – Tonali ha scelto l’Inter, ora la trattativa col Brescia