Reguilon e lo splendido gesto di Mourinho: “Sei solo, così mangerai bene”

0
2896
mourinho-reguilon-gesto-bellissimo

José Mourinho o si ama o si odia. Lo sanno i giornalisti, i colleghi e anche gli stessi giocatori che si sono trovati ad avere a che fare con lo Special One. In generale, i calciatori che hanno sposato in pieno la sua causa hanno sempre avuto un grande rapporto con il tecnico portoghese, non soltanto dal punto di vista sportivo ma anche sotto il profilo umano. Ne dà una prova Sergio Reguilon, terzino che Mourinho ha visionato prima da allenatore del Real Madrid quando il giovane spagnolo era nella cantera, poi voluto dallo stesso allenatore lusitano al Tottenham:

“Mi sto adattando poco a poco nel mio nuovo club – ha spiegato Reguilon ad As -. Sono stati anche mesi difficili a causa del Covid, perché non potevo avere la mia famiglia vicina. Ci sono tante motivazioni che mi hanno convinto a scegliere il Tottenham, come giocare di più e crescere vista la mia età, ma è stato importante anche Mou: ho sempre detto che avrei voluto essere allenato da lui. Mi ha chiamato più volte prima di prendere la decisione ed è stato un segnale importante. Tra di noi parliamo spagnolo, mentre col gruppo si parla inglese. Se è speciale come si dice? Vorrei che lo conoscesse come lo conosco io. Potrei raccontare mille aneddoti meravigliosi, ve ne dico uno: il giorno di Natale sapeva che ero da solo. Arriviamo all’allenamento alle 15 e c’è una scatola al mio posto. L’apro e dentro c’è un maialino arrosto, già cotto. Mi ha detto ‘So che sei solo a Natale, così non devi cucinare e mangerai bene‘. Sono pochi dettagli, è importante che un giocatore si senta trattato bene anche lontano dal campo. Quando deve essere duro, lo è come chiunque altro. Ma José è una persona che si prende cura di tutti“.

As

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Curare i malati, ignorare i maldicenti e amare i tifosi: Massimo Moratti