Retroscena Times, Perez incastrato da 10 calciatori del Real Madrid: “Se prendi Conte noi ce ne andiamo”

0
85
conte-real-madrid
Getty Images

Non è stato di certo Antonio Conte ad aver rifiutato il Real Madrid, ma è il club spagnolo ad aver rifiutato lui. Meglio, è stata la squadra che ha posto il veto sull’ingaggio dell’ex allenatore dell’Inter. E al suo posto è arrivato Carlo Ancelotti: meglio affidare il timone a un leader calmo, che sa come si dirige una barca tra i flutti in tempesta (e tra i blancos le acque sono tutt’altro che tranquille per la storia degli tagli agli ingaggi), e non finire in pasto al furore di un tecnico che non riscuote affatto simpatie. Questa volta non c’entrano le richieste esagerate e fuori dal mondo rispetto alla congiuntura economica.

Il presidente dei blancos Florentino Perez non ha potuto fare altro che tirare un riga sul nome, evitando il braccio di ferro con il gruppo. A raccontare il retroscena sul ritorno di Ancelotti a Madrid è il quotidiano inglese ‘Times‘ che nella ricostruzione della trama dei contatti e della trattativa ha indicato anche il numero dei tesserati contrari all’ingaggio del tecnico salentino: “Se prendi lui noi ce ne andiamo”. Chiusura netta, non c’è stato alcun margine di discussione.

Un esodo che nemmeno un club blasonato come il Real può permettersi. Una situazione alla quale anche il massimo dirigente ha dovuto prendere atto che era meglio accantonare ogni decisione malsana. Chi sono i calciatori del Real Madrid che hanno bocciato in blocco Conte? Il tabloid inglese non ha fatto i nomi ma non è difficile risalire all’identità dei singoli.

Basta andare indietro nel tempo, precisamente nel 2018, quando l’ex Inter venne indicato tra i candidati alla guida della Spagna, Sergio Ramos prese parola ed espresse un concetto tanto semplice quanto diretto e molto forte. “Il rispetto è una cosa che si conquista non può essere imposto”. E Conte non piaceva già allora.

Times

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Giulini lancia l’allarme: “Serie A al collasso. Fermiamo il campionato se il governo non ci aiuta”