Roma-Inter 0-3: show nerazzurro allo stadio Olimpico

Si scrive Roma-Inter si legge show nerazzurro. Segna Hakan Calhanoglu direttamente da corner. Segna Edin Dzeko, il classico gol dell’ex. Il sinistro del bosniaco è letale, il 2-0 arriva puntuale dopo 20 passaggi di fila dei nerazzurri in un’azione da videogioco. Pochi minuti più tardi e Rui Patricio deve impegnarsi, su un altro sinistro di Dzeko. Segna Denzel Dumfries, su assist di Alessandro Bastoni: prima rete nerazzurra per l’olandese. Ma prima del gol al 37′ Dumfries si immola in area su un tiro a botta sicura di Vina. Un salvataggio che vale un gol, bissato due minuti più tardi dalla rete del 3-0. Insomma, non c’è stata mai partita.

L’unico brivido da parte della Roma è un sinistro fulminante di Zaniolo che dà a tutto lo stadio l’illusione del gol, ma la palla è sull’esterno della rete. Il finale di gara, tra cambi e occasioni possibili (per Sanchez, Vidal e Sensi) è solo una lunga preparazione alla trasferta di Madrid di martedì.

IL TABELLINO

Roma-Inter 0-3

ROMA (3-5-2): 1 Rui Patricio; 23 Mancini, 6  Smalling, 24 Kumbulla (52 Bove 61′); 3 Ibanez, 17 Veretout (62 Volpato 91′), 4 Cristante, 77 Mkhitaryan, 5 Vina; 22 Zaniolo, 14 Shomurodov.
A disposizione: 87 Fuzato, 63 Boer, 8 Villar, 13 Calafiori, 19 Reynolds, 21 Mayoral, 42 Diawara, 55 Darboe, 59 Zalewski, 60 Ndiaye.
Allenatore: José Mourinho.

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 37 Skriniar, 95 Bastoni (32 Dimarco 76′); 2 Dumfries, 23 Barella (22 Vidal 59′), 77 Brozovic, 20 Calhanoglu (12 Sensi 84′), 14 Perisic; 9 Dzeko (8 Vecino 76′), 19 Correa (7 Sanchez 59′).
A disposizione: 21 Cordaz, 97 Radu, 5 Gagliardini, 10 Lautaro, 43 Cortinovis, 46 Zanotti, 47 Carboni.
Allenatore: Simone Inzaghi.

Marcatori: 15′ Calhanoglu (I), 24′ Dzeko (I), 39′ Dumfries (I)
Ammoniti: Ibanez (R), Barella (I), Mancini (R), Zaniolo (R)
Recupero: 1′ – 3′.

Arbitro: Di Bello.
Assistenti: Palermo, Perrotti.
Quarto Uomo: Camplone.
VAR: Massa.
Assistente VAR: Alassio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Marotta: “Contatti frequenti con Brozovic e Perisic. Ecco perché non ho mai chiamato Mourinho”

ARTICOLI CORRELATI
- Advertisment -