Home Calciomercato Scambio Icardi-Dybala è più di un’idea. Di Marzio:”Incontri off the record”

Scambio Icardi-Dybala è più di un’idea. Di Marzio:”Incontri off the record”

906
0
scambio - icardi - dybala
Foto Insidefoto

Scambio Icardi-Dybala è più di un’idea. Lo conferma Gianluca Di Marzio, esperto di mercato di Skysport.

Il mercato sarà in linea sempre con il fair play finanziario come riferiscono i dirigenti anche negli incontri off the record. Mercato di acquisti importanti ma anche di cessioni finché il fatturato dell’Inter non raggiungerà livelli ancora più alti di quelli attuali. Di sicuro l’Inter prenderà un esterno, per il momento quella che porterebbe a Danilo è una trattativa congelata. Mauro Icardi e Paulo Dybala vivono in simbiosi, nella vita reale e sulle pagine dei giornali. Andrà avanti così ancora per un po’, perché Juve e Inter sono tornate a parlare del potenziale scambio dell’anno: Icardi alla Juve, Dybala all’Inter. Meglio, hanno intensificato il dialogo, con la sensazione che ci siano dei problemi ma anche dei reciproci interessi. Insomma, la Juve da tempo pensa a Icardi ed è consapevole di essere di fronte a una grande occasione – prenderlo a condizioni insperate – mentre l’Inter ripartirebbe volentieri da Dybala, giocatore perfetto per il modo di giocare di Conte. L’estate deve ancora cominciare e la sensazione è che di tutto questo si sentirà parlare a lungo. Con una particolarità: giugno può essere il mese di questi due ragazzi. All’Inter 40 milioni di plusvalenze entro il 30 di questo mese farebbero molto comodo, la stessa Juve cedendo Dybala sistemerebbe un po’ di conti (in rosso). Mauro e Paulo sono iscritti a bilancio per cifre basse: Icardi “pesa” 2,5 milioni, Dybala 17. Una doppia cessione a cifre alte, magari intorno agli 80 milioni per entrambi, permetterebbe di sistemare i bilanci senza ipervalutare i cartellini. Ma non c’è solo il discorso finanziario. Icardi e Dybala hanno rappresentato, pur con tonalità evidentemente differenti, due problemi per i rispettivi (ex) allenatori, ovvero Spalletti e Allegri. Questioni tattiche o di incompatibilità con il resto dello spogliatoio, di sicuro il rendimento dei due ne ha risentito in maniera evidente”.

IL RESTO – “Si lavorerà su Chiesa, ma è difficile per la valutazione che fa la Fiorentina e in più c’è da capire la questione societaria dei viola che stanno per cambiare proprietario. Sicuramente il club milanese ha un accordo con Dzeko di massima e deve trovare l’accordo con la Roma che se decidesse di disfarsi anche di Kolarov troverebbe un acquirente nei nerazzurri”.

Gianluca Di Marzio