Home Notizie Chi è Sensi, futuro nerazzurro: da portiere mancato a Xavi come idolo

Chi è Sensi, futuro nerazzurro: da portiere mancato a Xavi come idolo

847
0
sensi - inter - italia
Getty Images

La storia di Stefano Sensi, pronto a diventare ufficialmente un nuovo centrocampista dell’Inter, parte da lontano e inizia quasi per caso. Racconta Sky Sport: 

“Campionato di Lega Pro, stagione 2013/2014. Un giorno, a fine allenamento, l’allenatore del San Marino Fernando De Argila – catalano e figlio di un portiere del Barcellona negli anni 40’ – sistemò i palloni al limite dell’area di rigore e invitò alcuni componenti della rosa a esercitarsi nel calciare in porta. Uno, due, tre tiri.Fernando De Argila, distratto da un collaboratore, si girò di spalle rispetto a quei ragazzi impegnati nell’esercitazione, quando improvvisamente rimase piacevolmente stupito dal ‘rumore’ del calcio di un pallone. “Chi è stato l’ultimo a calciare?”, chiese girandosi l’allenatore del San Marino. Gli sguardi dei compagni di squadra puntarono tutti in direzione di un ragazzino arrivato lì in prestito dal Cesena: Stefano Sensi. L’istante esatto della svolta, la prima della sua carriera. Da quel momento in poi Sensi divenne titolare a centrocampo con tanto di fascia di capitano al braccio, generando anche qualche polemica interna”.

RITORNO – “Il ragazzo, però, ci sa fare e se la cava benissimo: ottime stagioni al San Marino e una crescita costante; nell’estate del 2015, poi, il ritorno alla casa madre Cesena, club che lo aveva acquistato alcuni anni prima dal Rimini fallito. La seconda svolta, questa volta firmata Massimo Drago, allenatore di quel Cesena. Sensi è nella lista dei partenti, ma Drago chiede di valutare i ragazzi rientrati dai prestiti. A Sensi bastarono 2-3 allenamenti per convincere tutti ed essere subito tolto dalla lista dei partenti. Drago rimase impressionato non solo dalla qualità del ragazzo, ma anche dalla sua ‘fame’ e dalla sua aggressività”.

PORTIERE MANCATO“E pensare che da bambino, nei Pulcini dell’Urbania, iniziò a giocare come portiere. Troppo piccolo però Sensi e non solo per l’età: Stefano era il più giovane di tutti, ma anche il più basso. Già, la statura (168 cm), un pregiudizio contro il quale ha dovuto combattere da sempre, pur non arrendendosi mai. “A calcio si gioca con i piedi”, la sua risposta classica. Le rivincite arriveranno col tempo. Una dal sapore ancora più speciale”.

SOGNANDO XAVI“Prima dello scatto decisivo dell’Inter, su Sensi si era mosso anche il Barcellona, la squadra per la quale faceva il tifo fin da piccolino, osservando il mito di sempre Xavi. Play-stop-rewind, Youtube acceso e la voglia di diventare grande provando a ‘rubare’ più segreti possibili al fenomeno spagnolo. Capitoli di una storia, quella di Stefano Sensi, che adesso si prepara ad essere riempita con nuove pagine. Con la grinta di sempre e il nerazzurro sullo sfondo”.

Sky Sport