Home Interviste Spalletti: “A volte i panni sporchi si portano in lavanderia…”

Spalletti: “A volte i panni sporchi si portano in lavanderia…”

0
spalletti-inter-i-panni-sporchi

Luciano Spalletti torna a parlare. L’ex tecnico dell’Inter è stato ospite di Sky Sport ed è tornato sul suo periodo in nerazzurro. Ecco le sue parole: “Sono nel luogo preferito di casa mia. E’ la stanza delle maglie, queste pareti mi ricordano quanto possa essere stupendo questo sport e quanta felicità dia farne parte. Mi ha permesso di fare una vita da re, di conoscere campioni e di stare a contatto con personaggi unici. Cose che in una vita normale non avrei mai fatto: essere ricevuto dal Papa, ascoltare Bocelli nella palestra dell’Inter sono cose che porterò sempre con me”.

IL RICORDO PIU’ BELLO ALL’INTER

“Di ricordi belli dell’Inter ne ho molti: siamo arrivati in fondo a tutte e due le stagioni con il fiato sul collo di quelli che rimanevano fuori dalla Champions. Quei momenti sono stati forti, emozionanti: probabilmente la vittoria a Roma con la Lazio è stato uno dei momenti che mi hanno fatto gioire di più. La vittoria nel derby quando ci davano tutti per spacciati in casa del Milan nella seconda stagione: rivedere il popolo interista gioire alla Scala del Calcio è stato qualcosa che fa parte di questa stanza, perché ci sono ricordi che portano a rivivere quei momenti”.

LA PARTITA CONTRO LA LAZIO

“Me l’aspettavo per forza. Quando si fa questo lavoro bisogna pensare sempre nella direzione giusta: ed è la prima cosa a cui badano i calciatori, che assorbono i tuoi sguardi e i movimenti e la convinzione di potercela fare. All’intervallo ci siamo detti le cose corrette e le reazioni sono state quelle che volevo vedere: poi ci vuole anche il calciatore di personalità e forza che non si lascia mettere nell’angolo anche se il momento non è positivo. Si va sempre a cercare il risultato più importante”.

STAMPA VS SPALLETTI

“Se mi avete sottovalutato, mi spiace. Non so come l’avete valutata, ma il raggiungimento della Champions è l’obiettivo più importante dopo lo scudetto e dopo le partite di Champions League. La qualificazione alla Champions è superiore alla Coppa Italia: non ti dà un premio che porti a casa, ma ti fa far parte del torneo più bello del mondo”.

I PANNI SPORCHI… IN LAVANDERIA

“Le difficoltà le abbiamo avute: io non ho mai fatto usare le squadre per obiettivi personali. Ho sempre messo il club davanti a tutto, non ho mai barattato gli obiettivi di squadra per salvaguardare la mia immagine. O si fanno le cose in modo professionale o ci si mette mano: si dice che i panni sporchi si lavano in famiglia, qualche volta si portano alla lavanderia a gettone”, spiega Spalletti.

Sky Sport

Legrottaglie: “Non condivido le parole di Chiellini e vi spiego il motivo”

Exit mobile version