Home Notizie Suning converte un prestito e il debito dell’Inter cala: ecco tutti i...

Suning converte un prestito e il debito dell’Inter cala: ecco tutti i dettagli

152
0
suning-inter-zhang-pirelli-main-sponsor

Una posizione finanziaria netta in miglioramento, grazie alla conversione in capitale di un prestito di Suning, ma un patrimonio netto verso il segno negativo per le perdite legate anche alla pandemia del Coronavirus: è quanto emerge dai dati al 31 marzo 2020 resi noti dall’Inter in seguito all’emissione di un nuovo bond da 75 milioni. Riporta oggi calcioefinanza.it.

Suning, il ruolo di Steven Zhang e tutti gli incastri con l’Inter

“Al 31 marzo 2020, la posizione finanziaria netta consolidata del gruppo Inter è diminuita di € 69,8 milioni o del 15,1% a € 391,6 milioni da € 461,4 milioni del 31 marzo 2019. La riduzione è dovuta principalmente alla conversione in patrimonio netto dei prestiti degli azionisti per un importo pari a € 100 milioni e una riduzione di € 4,7 milioni del principale importo residuo delle obbligazioni senior garantite emesse in data 21 dicembre 2017 (attraverso un pagamento di ammortamento obbligatorio). Al 31 marzo 2020, 138,9 milioni di euro erano in sospeso rispetto ai prestiti degli azionisti”, si legge nel comunicato.

Quattro anni di Inter e Suning: dal fatturato raddoppiato agli obbiettivi futuri

“Nonostante il rinnovato impegno di Suning a supporto del Gruppo rinunciando al rimborso di una parte del prestito dell’azionista, quindi in essere per un importo di € 10 milioni, in modo che l’importo corrispondente possa essere allocato alla riserva di capitale entro il 22 giugno 2020 circa, la posizione patrimoniale dell’Inter a livello non consolidato può diventare negativa a partire dal nuovo anno fiscale che inizia il 1° luglio 2020 a seguito delle perdite accumulate durante l’esercizio finanziario chiuso al 30 giugno 2020”.

Inter-Suning, sempre più legati: lanciato lo store nerazzurro su suning.com

“Tale posizione patrimoniale negativa può persistere a seguito dell’applicabilità di un decreto di emergenza recentemente adottato che consente alle società di rinunciare temporaneamente ai loro requisiti patrimoniali minimi fino al 31 dicembre 2020. Non siamo in grado di prevedere per quanto tempo la posizione finanziaria dell’Inter a un livello non consolidato rimarrà negativa e qualsiasi interruzione futura derivante dalla pandemia di COVID-19 potrebbe influisce negativamente sulla sua capacità di tornare a una posizione azionaria positiva, che a sua volta può avere un effetto negativo rilevante su o affari, risultati delle operazioni, condizioni finanziarie e flusso di cassa”.

calcioefinanza.it
LEGGI ANCHE: