Superlega, l’Inter è fuori. Ceferin: “Adesso anche Juve e Milan, altrimenti niente Champions”

0
26
superlega-fair-play-finanziario-ceferin-finiremo-i-campionati-ma-non-a-settembre-il-fair-play-finanziario-resta-uefa-eca

“È evidente che i club devono decidere se sono parte di una Superlega o sono club europei. Se vogliono essere parte della Superlega, è evidente che non possono giocare in Champions League”, le parole sono di Aleksander Ceferin, presidente dell’Uefa, alla Associated Press. Il messaggio, con l’Inter ufficialmente fuori dal progetto, è per Juve e Milan, ma anche per Barcellona e Real Madrid, i quattro club che non hanno ancora abbandonato la Super League che ad inizio settimana minacciava di rivoluzionare il calcio: scelgano da che parte stare e vivano con le conseguenze della loro decisione.

Dunque, come riporta la Gazzetta dello Sport, l’ultimatum del presidente Uefa riguarda la prossima stagione, ma Juve, Milan, Real e Barça sanno che il tempo stringe e che dichiarazioni come quelle di Florentino Perez, che dice che il progetto Superlega non è stato abbandonato, anche quelle di Andrea Agnelli e del amministratore delegato del Milan Ivan Gazidis, rilanciano il divario tra i club ribelli e il governo del calcio europeo. Ceferin oggi ha discusso con gli organismi Uefa come punire i dirigenti dei club ribelli della Superlega:
“Stiamo ancora aspettando consigli dai nostri legali, poi decideremo. Ma è chiaro che tutti dovranno affrontare le conseguenze delle proprie azioni. Per quanto mi riguarda la posizione dei club che hanno ammesso il proprio errore e abbandonato il progetto è diversa da quelli che ancora non vogliono credere che quell’idea è morta. Abbiamo coinvolto le federazioni nazionali e le leghe dei paesi coinvolti. La settimana prossima andremo avanti e vedremo cosa fare”.
Gazzetta dello Sport

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Conte: “Super League? Non dimentichiamo le tradizioni. E ho un messaggio per la Uefa”