Udinese-Inter 0-0: bruttissima frenata. Espulsi Oriali e Conte

0
1790
conte-conferenza-stampa-roma-inter

BRUTTISSIMA FRENATA. L‘Inter non approfitta dello scivolone casalingo del Milan contro l’Atalanta (0-3) e accorcia solo parzialmente le distanze dai rossoneri: la squadra di Pioli è campione d’inverno, mentre quella di Conte deve recriminare per un’occasione ghiotta gettata al vento. L’Udinese si rende pericolosa solo raramente, ma in difesa non molla e, approfittando del pomeriggio incolore dei nerazzurri, strappa un punto importante per la propria classifica.

Conte non pensa al derby di Coppa Italia e conferma tutti i suoi titolari con Lautaro e Lukaku coppia d’attacco. Hakimi non riposa così come Vidal. Gotti manda in campo i suoi con il 3-5-2 con Lasagna e Deulofeu in avanti.

Parte meglio l’Udinese con pressing e possesso palla. L’Inter, però, al 7′ va in gol con Lautaro Martinez, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco dell’attaccante argentino. A metà primo tempo ancora Lautaro pericoloso: leggerezza imperdonabile di Becao, Martinez prende palla e colpisce a botta sicura, Musso compie un autentico miracolo e salva i suoi. Ci prova anche l’Udinese con Stryger Larsen, ma il suo tiro finisce alto. Il primo tempo si conclude con l’Inter in possesso, ma con pochi spunti offensivi. Nella ripresa gara sempre equilibrata con l’Inter che si affida alle fiammate dei singoli. Al 63′ scatto di Hakimi e assist per Lukaku, ma il belga non ci arriva per un soffio all’appuntamento con il gol. Poco dopo ci prova De Paul, ma il centrocampista non trova la porta. Conte cambia al 70′: fuori Vidal, Young e Lautaro, dentro Perisic, Sensi e Sanchez. Al 75′ altra chance per l’Inter con Sensi bravo a recuperare un pallone e a servire Hakimi, ma il sinistro del marocchino finisce a lato. L’Inter spinge nel finale, ma il muro dell’Udinese resiste. Nei minuti conclusivi espulsi Oriali e Conte per proteste. 0-0 al 90′, occasione sprecata dai nerazzurri. E martedì c’è il derby di Coppa Italia…

IL TABELLINO

UDINESE-INTER 0-0

UDINESE (3-5-2): 1 Musso; 50 Becao, 14 Bonifazi (62′ 87 De Maio), 3 Samir; 19 Larsen (780 17 Nuytinck), 10 De Paul, 22 Arslan (33′ 11 Walace), 37 Pereyra (62′ 38 Mandragora), 90 Zeegelaar (78′ 16 Molina); 9 Deulofeu, 15 Lasagna.

In panchina: 31 Gasparini, 96 Scuffet, 5 Ouwejan, 6 Makengo, 29 Micin, 30 Nestorovski.

Allenatore: Luca Gotti.

INTER (3-5-2): 1 Handanovic; 37 Skriniar, 6 De Vrij, 95 Bastoni; 2 Hakimi, 23 Barella, 77 Brozovic, 22 Vidal (70′ 12 Sensi), 15 Young (70′ 14 Perisic); 9 Lukaku, 10 Lautaro Martinez (70′ 7 Sanchez).

In panchina: 27 Padelli, 97 Radu, 5 Gagliardini, 11 Kolarov, 13 Ranocchia, 24 Eriksen, 36 Darmian, 99 Pinamonti.

Allenatore: Antonio Conte.

Arbitro: Maresca. Assistenti: Imperiale – Di Vuolo. Quarto Uomo: Fourneau. Var: Aureliano. Assistente Var: Mondin.

Note
Espulsi: 
Conte (I) al 91′ per proteste, Oriali (I) nel dopogara per proteste
Ammoniti: Arslan (U), Samir (U), Bastoni (I), Zeegelaar (U), Sensi (I), Conte (I)
Corner: 3-3
Recupero: 1°T 1′, 2°T 4′.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Conte: “Non mentirò mai ai miei giocatori, non vendo fumo. Non ci deve interessare se esaltano la Juve”