Home Notizie UFFICIALE – Ecco la lista Champions: Nainggolan c’è, Padelli e Vecino no

UFFICIALE – Ecco la lista Champions: Nainggolan c’è, Padelli e Vecino no

4917
0
nainggolan-perisic-verso-il-ritorno-ce-il-si-di-conte-lista-champions

Da Diego Godin ad Antonio Candreva, da Cristiano Biraghi a Tommaso Berni fino a Samuele LongoBorja ValeroJoao Mario e Victor Moses. Non solo acquisti, ma anche tante cessioni, a titolo definitivo o temporaneo, concluse dall’Inter negli ultimi frenetici giorni del calciomercato estivo appena concluso. Contro ogni pronostico, invece, sono rimasti a Milano Radja Nainggolan e Matias Vecino. Il belga è stato ad un passo dal ritorno al Cagliari, ma l’incolmabile distanza tra domanda e offerta e la netta presa di posizione di Suning hanno fatto naufragare definitivamente la trattativa, mentre per l’uruguaiano, con il trascorrere dei giorni, l’interesse del Napoli è svanito, che alla fine poi ha preferito virare su Bakayoko.

Dunque, come da regolamento, l’Inter ha trasmesso alla UEFA la lista dei calciatori iscritti alla fase a gironi della Champions League 2020/2021. Daniele Padelli e Matias Vecino non fanno parte della lista Champions per la fase a gironi. Il vice Handanovic saranno Ionut Radu e Filip Stankovic, mentre il centrocampista paga l’infortunio al ginocchio che lo rende indisponibile per le prime partite. C’è Radja Nainggolan. Per il resto nessuna novità e ampia possibilità di scelta per Conte.

Ecco l’elenco ufficiale pubblicato su inter.it:

Lista A

1. Samir Handanovic
2. Achraf Hakimi
5. Roberto Gagliardini
6. Stefan de Vrij
7. Alexis Sanchez
9. Romelu Lukaku
10. Lautaro Martinez
11. Aleksandar Kolarov
12. Stefano Sensi
13. Andrea Ranocchia
14. Ivan Perisic
15. Ashley Young
22. Arturo Vidal
23. Nicolò Barella
24. Christian Eriksen
33. Danilo D’Ambrosio
36. Matteo Darmian
37. Milan Skriniar
44. Radja Nainggolan
77. Marcelo Brozovic
95. Alessandro Bastoni
97. Ionut Andrei Radu

Lista B

35. Filip Stankovic
42. Lorenzo Moretti
99. Andrea Pinamonti

inter.it

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Brozovic, Eriksen e Nainggolan: adesso è il momento giusto