Ventola: “Gresko fu salvato dalla polizia. Dopo il 5 maggio andò a fare…”

0
131
Nicola-Ventola-gresko-dopo-il-5-maggio-fu-salvato-dalla-polizia

Chiacchierata tra ex interisti su Instagram, ovvero, Nicola Ventola e Lele Adani. L’ex bomber nerazzurro in occasione di una diretta con l’opinionista di Sky Sport, ha raccontato numerosi episodi relativi alla sua esperienza all’Inter. Dalle serate condivise con alcuni compagni di squadra, fino ad un curioso episodio relativo a Vratislav Gresko, protagonista in negativo del famoso 5 maggio.

L’ESPERIENZA ALL’INTER

“Con Frey siamo arrivati insieme nel 1998-99, lui aveva 19 anni e io 20. Siamo arrivati lui, io, Pirlo, Dabo, Silvestre, Cristiano Zanetti e Camara. Quell’anno l’Inter prese 6-7 giovani quell’anno lì. L’anno dopo Pirlo ed io abbiamo festeggiato il compleanno insieme, sono passati vent’anni. Noi ne facevamo tante effettivamente, eravamo giovani. Mi ricordo che era l’ultimo anno di Bergomi, quante me ne diceva, mi massacrava… Ma non riuscivo a capire. Venivo da una buona famiglia ma ero giovane. Non siamo pronti a vent’anni per avere tutto quel successo, arrivo all’Inter prime cinque partite, cinque gol: 3 in Champions League. Non capisci più niente”.

IL RETROSCENA SU GRESKO E I ROMPISCATOLE

Ventola ha parlato del compagno di squadra Gresko, protagonista in negativo in quella partita: “Il 6 maggio, il giorno dopo il famoso 5 maggio, se ne andò a fare shopping in centro a Milano. L’ha salvato la polizia, altrimenti le prendeva. Ma come si fa a fare shopping il sei maggio?“. Una battuta anche sui “rompiscatole” del gruppo: “All’Inter ce n’erano tre: Seedorf, Di Biagio e Materazzi. Di Biagio, in particolare, quando sbagliava dava sempre la colpa a te”.