Vidal, furia Conte: “Arturo, gioca e non rompere!”. Il cileno tradisce ancora

0
3758
vidal-conte-scudetto-inter

Christian Eriksen è il calciatore che Antonio Conte non ha mai indicato espressamente all’Inter. L’evoluzione del rapporto tra l’ex centrocampista del Tottenham e il tecnico è sotto gli occhi di tutti: non era quello il profilo tattico adatto alle idee dell’allenatore. Ecco perché il danese verrà ceduto sul mercato di gennaio dopo appena un anno dal suo arrivo in Italia. Arturo Vidal, invece, è il ‘guerriero‘ che l’ex ct della Nazionale ha voluto, il calciatore per il quale ha insistito fino a quando la società non lo ha accontentato trovando la quadra nell’affare con il Barcellona e con l’agente del cileno. Una garanzia di rendimento e di affidabilità. L’uomo che, per esperienza e agonismo, avrebbe dovuto rendere la linea mediana dei nerazzurri una sorta di trincea. La pedina di lotta e di affondare il colpo così come da distinguersi anche quando c’è da mettere in campo molto furore e altrettanto pragmatismo.

Ma alla luce di com’è andata la stagione finora, l’ingaggio dell’ex giocatore di Juve, Bayern Monaco e Barcellona non s’è rivelato così proficuo per l’Inter. Anzi, a “tradire” Conte è stato proprio ‘King Arturo’. E se la sfida contro il Crotone è passata in secondo piano grazie alle prodezze di Lautaro Martinez e Romelu Lukaku, altrettanto non si può dire della prestazione di Vidal. Tra Champions e Serie A gli errori del cileno pesano, e sono errori inaccettabili, che stridono con il peso a bilancio per effetto dello stipendio di 6 milioni di euro netti a stagione (contratto fino al 2022).

VIDAL-CONTE

“Gioca e non rompere”. È la frase che Antonio Conte urla ad Arturo Vidal, autore del fallo commesso su Reca del Crotone in area di rigore. Il contatto non è subito chiaro per l’arbitro, Aureliano, che sceglie la on-field-review per rivedere l’azione alla moviola a bordo campo. Il direttore di gara non ha dubbi e assegna la massima punizione contro i nerazzurri. In quei minuti di tensione, è evidente il nervosismo del cileno. E quando i calabresi siglano la rete del pareggio con Golemic (2-2, poi ribaltato da Lautaro sul 6-2) Vidal ha un gesto di stizza e borbotta ancora qualcosa. A quel punto che il tecnico interviene e gli urla poche parole molto chiare. Un rimprovero pesante, che non sfugge alla diretta tv. La frase viene percepita in maniera distinta a causa della mancanza del pubblico e dell’eco che rimbomba all’interno dello stadio ‘Meazza‘. “Sta zitto… basta, gioca e non rompere”, gli ripete l’allenatore che nell’intervallo lo sostituirà con Stefano Sensi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Di Marzio si difende: “Figura di m***a con Skriniar? No, vi…”