Zaccaria: “Azionariato popolare, ecco le prossime tappe di Interspac”

0
52
interspac-inter-cottarelli-azionariato-popolare-zaccaria

Il progetto Interspac va avanti, con un calendario e tappe ben definite. “Perché in questo momento tutti hanno capito che il modello su cui si fonda il calcio italiano non regge” dice a ilfattoquotidiano.it Roberto Zaccaria, ex presidente della Rai, già deputato del Pd ed attuale numero due di Interspac Srl, la società presieduta da Carlo Cottarelli. L’obiettivo è proporre anche in Italia lo stesso schema di azionariato popolare che ha avuto successo in altri Paesi europei e che vede nel Bayern Monaco un esempio convincente a cui ispirarsi:

“Non c’è da sperare che entrino nuove proprietà individuali, non ci sono più i capitani coraggiosi di una volta, grandi mecenati che investivano in una squadra. Adesso è tutto impersonale, per questo motivo diventa importante il contributo dei tifosi. Può essere un elemento di miglioramento qualitativo della partecipazione azionaria, nonché un modello che può contribuire a moralizzare il mondo del calcio. Noi una cordata di ricchi? Non è così. Al momento siamo 16 soci, altri saranno annunciati a breve. Sì, ci sono nomi importanti, ma la cosa più importante in questo progetto sarà il numero delle persone che aderiranno, non chi aderirà. Quanta gente pensiamo di coinvolgere? Non ci siamo ancora posti un obiettivo numerico preciso. E tengo a sottolineare che per noi questo può essere un modello per il paese e non solo per l’Inter. Altre squadre e altri tifosi potrebbero seguire il nostro esempio”.

Zaccaria continua: “Prima del Covid l’Inter riusciva a portare a San Siro 60mila persone anche per le partite con squadre meno importanti. Questa è una realtà davanti agli occhi di tutti, quindi è facile pensare che possiamo esprimere una potenzialità nettamente superiore rispetto a quelle cifre. Però insisto: è presto per parlare di numeri e di soldi, noi sappiamo che c’è una grandissima potenzialità e ci accingiamo a misurarla. Abbiamo commissionato un sondaggio a una società indipendente (la Iqui, ndr) che avrà lo scopo di accertare nelle prossime settimane le potenzialità del nostro progetto. La rilevazione non riguarderà solo l’Inter, ma anche altre squadre, così se qualcuno vorrà seguirci ha una base di partenza”.

PROSSIMO STEP

“Interspac nasce con un intento collaborativo e di sostegno all’Inter. In questo momento ci rivolgiamo alla società dell’Inter, ai proprietari cinesi, perché vogliamo dire loro: “Guardate che c’è un primo gruppo di sostenitori che credono a questa prospettiva dell’azionariato popolare, sono pronti a sostenere l’Inter e a lavorare con la proprietà”. Successivamente, se ci sarà disponibilità da parte dei proprietari, arriverà il momento di passare alla fase strettamente operativa, ai numeri e alle sottoscrizioni. Rappresentante nel cda nel caso Suning accettasse? È un ragionamento del tutto prematuro, dipenderà dalla eventuale disponibilità dell’Inter. Vediamo che tipo di apertura potrà arrivare. Siamo convinti della bontà di questo progetto e andremo avanti. È una prospettiva che va al di là della società, è una prospettiva dell’Inter. Noi oggi abbiamo un consiglio di amministrazione composto da 16 persone, stiamo reclutando altri soci importanti per dare maggiore visibilità. Certo, i numeri necessari per far bene li conosciamo tutti: se ci sono 500mila tifosi è una cosa, un milione è un’altra”.

L’AZIONARIATO POPOLARE

“Può contribuire a migliorare gli equilibri pur mantenendo alta la competitività. Il Bayern, ad esempio, continua a vincere ma non è inutilmente spendaccione, pur comprando top player e allenatori di alto livello. Era e resta una una delle prime 5 squadre d’Europa: questo significa che ci può essere un grande club con un fatturato e un bilancio importante, ma con la partecipazione dei tifosi. Questo deve far riflettere: lo possiamo fare anche in Italia e non per forza solo all’Inter”, conclude Zaccaria.

ilfattoquotidiano.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Inter, un colpo a zero in difesa: agenti in sede, proposto…