Home Notizie Zhang torna a Milano: “Qui per la mia Inter”. Oggi vertice in...

Zhang torna a Milano: “Qui per la mia Inter”. Oggi vertice in sede: il punto

22
0
zhang-marotta-inter-juve-verso-il-no-della-ripresa-campionato-serie-a-vulpis
Getty Images

Sta per avere inizio il tour de force di riunioni in viale della Liberazione: Steven Zhang è tornato a Milano, il presidente dell’Inter ha avuto il via libera dal governo cinese e può finalmente programmare dall’Italia l’inizio della prossima stagione, anche se c’è ancora una finale di Europa League da raggiungere. Ovviamente passando dalla semifinale contro lo Shakhtar Donetsk. Tanti gli argomenti da trattare, dal mercato alla questione Conte. Ai microfoni dell’Ansa il club nerazzurro ha voluto rilasciare un piccolo comunicato: “Il presidente Steven Zhang è atterrato questa sera a Milano per poter seguire in prima persona le attività della sua Inter nell’assoluto rispetto dei protocolli sanitari italiani ed internazionali”.

C&F – Aumenta il debito della Serie A: superati i 4 miliardi

“Pur essendo stato in contatto continuo – scrive oggi la Gazzetta dello Sport -, sarà la prima occasione per essere ragguagliato di persona su ogni sviluppo del club, dalla situazione economica con le ricadute dell’emergenza Coronavirus, ai programmi per la stagione che comincerà a settembre, all’avanzamento della questione stadio. Si farà anche il punto sul fronte sportivo, con il mercato da affrontare e poi la grande questione dell’allenatore e del progetto tecnico. Non sarà ancora tempo di decisioni, comunque, l’annata è tutt’altro che finita e Steven raccoglierà solo le informazioni, ma poi ogni discussione o scelta importante saranno rinviate a dopo l’Europa League”.

Brozovic può sorridere: giudice, sospeso il ritiro della patente

“Il ventottenne Steven – scrive la rosea – dovrà ascoltare le richieste del tecnico, capire quanto profonda è la frattura con lo staff dirigenziale, decidere quale strada imboccare per il futuro. L’incontro non sarà una formalità e la risolutezza del tecnico è lì a confermarlo. Se le posizioni saranno conciliabili, Zhang dovrà essere garante di una “pace” duratura, senza ricadute future. Se invece si arriverà alla rottura, dovrà mediare un’uscita dal “matrimonio” il più possibile soft, per l’ambiente e per le casse. Il tutto appoggiandosi all’a.d. Marotta, a cui ha sempre delegato le decisioni del lato sportivo. E forse confrontandosi a distanza col padre, anche se le cronache cinesi lo raccontano sempre più “pesante” e autonomo all’interno dell’azienda di famiglia”.

La Gazzetta dello Sport

LEGGI ANCHE:

Europa League, anche Inter-Shakhtar Donetsk in chiaro su TV8