Inzaghi: “Non siamo più padroni del nostro destino. Troppo frenetici noi”

0
32
inzaghi-inter-sampdoria

Questo il primo commento di Simone Inzaghi, tecnico nerazzurro, ai microfoni di Sky Sport: “C’è amarezza, è normale sia così. Non siamo più padroni del nostro destino, dovremo vincere assolutamente le ultime quattro e guardare il Milan. Abbiamo approcciato il match nel migliore dei modi, bisognava fare il secondo gol e non prendere quello di Arnautovic perché poi come abbiamo visto in partita può succedere di tutto. Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, con una pecca sul gol di Arnautovic che non puoi concedere. Abbiamo creato tanto e meritato il secondo gol. Poi nella ripresa la frenesia e l’aver velocizzato le giocate ci ha penalizzati ma eravamo in partita. Il Bologna non si è mai presentato in area, poi dopo l’infortunio del secondo gol si è persa lucidità. Ora siamo indietro, dobbiamo recuperare e non dipende più da noi”.

LA PARTITA

“Troppo frenetici noi. Volevamo segnare dopo l’1-1, abbiamo avuto occasioni clamorose come quella di Lautaro e creato altre situazioni. Il rammarico più grande però è non aver chiuso la partita nel primo tempo. Nella ripresa abbiamo perso un po’ le distanze pur avendo fatto bene, dopo l’infortuno del gol preso però ci siamo disuniti. La squadra ha creato, deve tenere alta la testa. E’ un brutto passo falso, ma dobbiamo andare avanti. Il Bologna ha fatto una partita di grandissimo sacrificio, mancano 12 punti e due punti a quattro giornate dalla fine si possono recuperare. Dobbiamo lavorare”.

IL PAREGGIO

“La marcatura doveva essere più stretta, ma sicuramente si poteva fare meglio anche sul cross di Barrow perché ha impiegato dieci secondi a crossare. Poi la marcatura è scivolata, Arnautovic è arrivato tra terzo e quinto e ha segnato in una partita in pieno controllo”.

RADU

“Radu ha fatto la partita di Coppa con l’Empoli molto bene e si allena nel migliore dei modi. Ha grandissima fiducia di staff tecnico e compagni. Se sbaglia un attaccante se ne parla meno, è un infortunio che ci ha castigati ma sul 2-0 o sul 3-0 ci sarebbe pesato meno. Radu deve stare tranquillo, ha una carriera rosea davanti essendo un grande portiere”.

BARELLA

“Tutti vorrebbero restare in campo di più, ho scelto così in quel momento. Nessun problema, l’importante è che abbiano rispetto tra loro e con lo staff e loro lo hanno avuto dal primo giorno”, ha concluso Inzaghi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Pioli: “Nelle ultime 5 partite c’è bisogno che succeda qualcosa che non è successo fino ad oggi”